Nuove dimensioni per la mente

QUANTUM - il più innovativo e creativo approccio pratico all'uomo ed alla mente.

Concetti Introduttivi

Il Modello innovativo della Quantum Psychology

La Mente Triadica ed i  NeuroAttivatori

Oltre la Psicologia: Applicazioni Sociali

Utilizzi Pratici

Quantum Counseling

Utilizzi pratici in Terapia della Quantum Psi:
Peso - Relazioni - Concentrazione - Rilassamento

Quantum Extreme per l'apprendimento e la formazione di insegnanti e Trainer

Quantum Psi per il Marketing

Quantum Psi e Motivazione

Evoluzione nella Comunicazione. Quantum Psi, Comunicazione e Persuasione

Atteggiamento mentale: Commenti a "La scienza di divenire ricchi" di Wallace Wattles

Quantum Psi  nella Pubblicità e nell'Ingegneria Memetica

Quantum Psi, Creatività e Genialità

Quantum Psi Linguistico

Introduzione: Flash Linguistics, Chaos Linguistics e Linguistica Creazionale

Modelli di Cambiamento di Base e Flash Linguistics

Modelli Evoluti

Quantum Psi Realtà, Spazio ed Energia

Quantum Psi e Realtà

Spazio e Massa

Tempo

La Psi-Energetica

Idee e Modelli

Il più alto stato di coscienza possibile: Stato Oggettivo ed Illuminazione

La "Presenza" e gli effetti della Concentrazione Psi

Il contatto umano: breve Tutorial su come migliorare  con Quantum Psi

Applicazioni Parasensoriali

Ricerche: Oriente ed Occidente

Quaderni di Ricerche 1: Visione Occidentale:  Confronto tra Modello Triadico e PNL

Quaderni di Ricerche  2: Quantum Psi e Milton Erickson

Quaderni di Ricerche  3: Quantum Psi e visione orientale. Commenti al "libro del Nulla"

Quaderni di Ricerche 4: Quantum Psi e Yoga. Commenti agli aforismi Yoga di Patanjali

Varie

Biografie

Bibliografia

Formarsi in Quantum Psi e quantum Psychology

Domande & Risposte

 

Quantum Psychology ®  e Mente Triadica

"Quantum Psychology" è libero per la discussione scientifica, ed è registrato per i servizi educativi e di formazione afferenti. Il fine è di mantenere un'alta qualità tutelando l'utente

Quantum Psi e YOGA

Yoga significa "unione" e significa il superare le divisioni (della mente e del corpo).
Lo Yoga si è molto diffuso in occidente ed è praticato sia per benessere personale che per crescita individuale.

Quantum Psi può anche permettere uno sguardo nuovo sulla pratica del Raja Yoga, cioè dello Yoga mentale.

Abbiamo analizzato l'opera base, gli aforismi sullo Yoga di Patanjali. Quest'opera rappresenta uno tra i punti centrali della pratica dello Yoga ed è considerata praticamente unanimemente sia in occidente che in oriente come l'elenco dei punti centrali di tale disciplina.

Abbiamo riscontrato che non esistono molte traduzioni di tali aforismi in libera distribuzione in italiano ed abbiamo quindi voluto provvedere direttamente.
Nota: Potete vedere gli aforismi in inglese (non commentati) ahttp://www.theosociety.org/pasadena/patanjal/patanyog.htm#book1

Tratto dagli Aforismi di Patanjali:
Libro III, Poteri Supernaturali del praticante di Yoga - Le Siddhi

Riportiamo su questo sito solo questo dei quattro libri di Patranjali in quanto per molti il più affascinante, in quanto tratta dei cosiddetti "poteri supernaturali" dello Yoga.
Con Quantum Psi possiamo darne una spiegazione completa, elaborando inoltre nuove tecniche operative.

Questo libro per il lettore avveduto e che conosce fino in fondo la materia ha molto a che fare anche con i concetti dell'ipnosi; l'ipnosi antica nella sua formulazione originaria mancava però del vocabolario necessario a spiegare tali fenomeni completamente. Quantum Psi  comprende tale tecnica in una visione moderna.
E notiamo perlappunto che l'ipnosi anche in occidente è spesso stata legata a fenomeni supernormali.
Commentiamo ora ogni aforisma.
Teniamo a far notare che ogni nostro commento si basa su esperienze vissute, in classe o sperimentalmente, cercando di replicare gli elementi qui descritti con i metodi di Quantum Psi.

1. La concentrazione (Dharana) è la fissazione di un particolare punto dello spazio.

Questa prima Sutra è per il praticante delle nostre tecniche molto famigliare. L'ipnosi moderna è proprio nata dall'idea di Braid di concentrare lo sguardo su di un particolare punto dello spazio.
Quella descritta è una TECNICA BASE.
E proprio in tal senso l'ipnosi occidentale può essere considerata la pratica occidentale più vicina a questo tipo di pratiche orientali.
Nota: La fissazione è inoltre una tecnica utilizzata in Quantum Psi. In Quantum Psi ogni coordinata spazio temporale può essere oggetto di concentrazione ma anche di micro-concentrazione con creazione di una idea mentale in loco anche chiamata "attivatore"
 

2. In questa concentrazione (Dharana) il flusso continuo di processi mentali simili è chiamato Dhyana o meditazione.

La meditazione può avere effetti benefici sull'organismo e sulla mente. Lo stato che si ottiene con la pratica precedente è infatti simile a quello di meditazione.
E' importante notare il concetto del "flusso di pensieri simili".
In Quantum Psi lo stato è ottenuto ugualmente lavorando verso la deconcettualizzazione. Finchè la mente concettualizza non si può avere meditazione reale.
Questo è il primo passo per avvicinarsi alle Esperienze Superiori.
 

3. Quando solo l'oggetto di meditazione risplende nella mente, senza neppure il concetto del sè che sta meditando questo stato è chiamato Samadhi.

Questa è una idea centrale in Quantum Psi. Il concetto è il superamento della diade questo / quello, osservatore / osservato. E' difficile spiegare in parole lo stato in quanto le parole sono strumento dell'emisfero sinistro che viene rilassato con la pratica.
Oltre che con la pratica ipnotica, lo stato di Samadhi può essere ottenuto anche per brevi lassi di tempo con altri fini non rivolti verso l'illuminazione attraverso la cosiddetta "concentrazione psi".
Si tratta infatti di uno stato che può essere ottenuto in due maniere:
- macro - attraverso le tecniche ipnotiche
- micro - per pochi istanti utili però per ottenere effetti di cambiamento veloci.
In Quantum psi si lavora ad esempio al superamento della diade questo-quello. Questo lavoro linguistico porta a brevi istanti di Samadhi utili per il cambiamento.
 

4. I tre assieme sullo stesso oggetto costituiscono lo Samyama.

Dharana + Dhyana + Samadhi = Samyana
La radice indoeuropea della parola è simile all'inglese same (= stesso) ed indica quindi una unità.
Abbiamo notato che, mentre Dhyana compare in molte persone quasi automaticamente dopo un poco di Dharana, il terzo livello ha a volte necessità di essere guidato per ottenerlo con più facilità. E' interessante notare che comunque i tre possono essere indipendenti.
Questo è uno degli apporti di Quantum Psi: tecniche rapide per ottenere certi stati in maniera isolata per scopi specifici.
 

5. Con la padronanza di questo (Samyama), la luce della conoscenza (Prajna) appare.

Ovviamente, comunque, il fine più alro è lo stato oggettivo. Il cambiamento può intervenire poichè entriamo in contatto con la mente. Si tratta di una trasformazione interiore. Il fine della via A della Quantum Psychology è la creazione di un differente e più completo atteggiamento interiore

6. Il Samyama dev'essere praticato a tappe.

Già nel secolo scorso era nata una tecnica chiamata "frazionamento". Il concetto è che attraverso il frazionamento del percorso otteniamo risultati meglio. Può essere anche legato al concetto dei cicli ultradiani, per cui l'attività della mente procedendo a cicli è opportuno dividere lo sforzo.  L'idea è anche simile al concetto di stati dell'ipnosi ed anche alla considerazione che è impossibile arrivare immediatamente ad uno stato totale

7. Queste tre esperienze sono processi più interni dei precedenti.

Degli otto passi del Raja Yoga concentrazione meditazione e Samadhi sono interni e richiedono pratica.

8. Queste esperienze devono essere guardato come esterne in rapporto agli stati più elevati (Nirvija)

La coscienza oggettiva è in Quantum Psi lo stato superiore. Questo aforisma suggerisce anche la difficoltà di raggiungere tale stato solo con combinazioni di questi strumenti. Alcuni allievi vogliono a volta infatti raggiungere stati di elevazione senza passare dalla deconcettualizzazione della via A. E' impossibile. La via B è per avvicinarsi ma solo la via A permette gli stati di coscienza effettivamente superiori. Altrimenti si rimane nei giochi di attaccamento e potere.

9. L'arresto delle fluttuazioni e l'apparizione delle latenze dello stato di arresto, che avvengono in ogni momento in cui la mente calma diventa "bianca", sono le mutazionni dello stato di calma centrale.

E' un aforisma complesso. Si riferisce ai "punti di arresto". Il punto centrale tra le fluttuazioni della mente (i pensieri) è infatti chiamato in quantum psi "punto di illuminazione" in quanto lavorando su di esso possiamo raggiungere gli stati di deconcettualizzazione (= assenza di pensieri)

10. La continuità della mente (nello stato precedente) è assicurata dalle impressionoi latenti

A molti che praticano queste tecniche sembra di "perdere il controllo". In realtà la mente è sempre sotto controllo. Basta lasciarsi andare a quello che succede.

11. La diminuzione dell'attenzione verso tutto quello che circonda e lo sviluppo della concentrazione sul punto unico è chiamata Samadhi-parinama o mutazione della mente concentrata.

Questa è una descrizione tecnica dello stato centrale. Se notiamo si parla di un processo progressivo. Anche prima dell'esperienza globale è possibile infatti sperimentare comunque una serie di stati tecnicamente definiti "perioggettivi". Tecnicamente si parla di "sviluppo" della concentrazione del punto.

12. Qui (in Samadhi) di nuovo (nello stato di concentrazione) essendo simili le modificazioni passate e presenti, si raggiunge Ekagrata-parinama, o mutazione dello stato stabilizzato della mente.

Questa è una delle impressioni più stupefacenti per il praticante: l'assenza di tempo. Meditando si sperimentano livelli successivi di consapevolezza. Quindi apparentemente il passato è diverso dal presente. Nello stato finale non esiste tempo e quindi le impressioni sono identiche. A questo punto si è in uno stato di atemporalità

13. In questa maniera sono spiegati i tre cambiamenti, viz, degli attributi essenziali o caratteristiche, dei fenomeni temporali, e degli stati  Bhutas e Indriyas (cioè tutti i fenomeni conosciuti).

Praticamente a questo punto il praticante arriva ad una conoscenza globale. Nel punto di deconcettualizzazione è presente comprensione globale. Questo è dovuto al fatto che dal punto centrale  il punto 12 spiega il tempo, il punto 11 lo spazio. La percezione che l'uomo ha del  mondo è infatti dovuta all'interazione delle proprietà di ciò che percepisce in relazione ai sensi recettori della mente.

14. Ciò che continua la sua esistenza attraverso i vari momenti (caratteristici), e precisamente, il quiescente, cioè il passato, il manifesto, cioè il presente, ed il non manifesto (ma che rimane una forza potente), cioè il futuro, è il sostrato (o parte caratterizzata dall'oggetto).

Questo è un concetto fondamentale in Quantum Psychology, in quanto il tempo è una costruzione mentale. Il tempo è anzi una chioave importante per comprendere il nostro paradigma.

15. Il cambiamento di sequenza (delle caratteristiche) è la causa delle differenze nelle mutazioni.

La nostra mente costruisce la realtà secondo sequenze. In altre<parole questo aforisma suggerisce che se cambiamo l'ordine cambiamo la realtà. Questa è una tecnica molto potente in quanto opera sulle coordinate più di base di riferimento.

16. La conoscenza del passato e del futuro può essere ottenuta attraverso Samyama sui tre  Parinamas (cambiamenti).

Ma in realtà è possibile anche l'intuizione diretta, il presupposto dello stato oggettivo nel quale il tempo non esiste e quindi non esistono cause.

17. La parola, l'oggetto implicato e l'idea connessa produce una impressione unica. Se il Samyana è praticato su ciascuno di essi separatamente, può essere ottenuta la conoscenza del significato dei suoni prodotti da ogni essere vivente.

Il concetto di questo aforisma è più profondo di quato appare e può essere solo capito dopo la pratica di una serie di tecniche basate sui suoni, che hanno anche molto importanza in India (mantra). Attraverso queste tecniche infatti i tre elementi indicati sopra vengono scissi o collegati ad un singolo elemento della mente tradica. Questo permette di creare realtà virtuali ed è anche la base della "concentrazione psi". L'ultima parte significa anche che in realtà i sensi possono essere affinati, fino ad arrivare alla comprensione tramite il cervello rettiliano della base e del significato non verbale dei suoni.

18. Attraverso la presa di coscienza delle impressioni latenti, si può avere conoscenza della nascita precedente.

Accedendo all'inconscio attraverso le tecniche  regressive possiamo avere varie esperienze. Si tratta di una serie di esperienze sperimentali e arricchenti sotto il profilo personale.

19. (Praticando Samyana) sulle nozioni, si può acquisire conoscenza delle altre menti.

Questo aforisma ha un doppio livello e si collega anche alle pratiche di identificazione con le altre persone. L'interpretazione più semplice è invece che la mente è costruita da nozioni. Quantum Psi può essere uno strumento di modellamento. Il modellamento è raccogliere le nozioni di una persona per comprenderla ed acquisire quindi conoscenza della sua mente.

20. La base della nozione rimane ignota in quanto non è lo scopo del lavoro (osservazione) dello Yogin.

Comunque sia il nostro lavoro va comunque in un'altra direzione (vedi il concetto di via A della Quantum Psychology)

21. Quando la percezione del corpo è soppressa praticando Samyama sul suo aspetto visuale, la sparizione del corpo avviene attraverso il suo andare oltre la sfera di percezione dell'occhio.

Si tratta della tecnica chiamata illusione da noi spesso dimostrata nelle lezioni introduttive. Possiamo creare rfealtà virtuali operando su ogni senso, tanto più che ogni senso è collegato alla mente traidica. In realtà questo aforisma mostra che noi possiamo costruire una realtà visuale che non esiste.

22. Con questo processo si può anche operare sugli altri sensi

idem (per alcuni questo aforisma è un'interpolazione ed in alcuni testi la numerazione successiva è differente - secondo noi, e secondo le conoscenze di Quantum Psi che abbiamo è comunque logico e completa il precedente perfettamente )

23. L'azione è di due tipi; la prima, quella che è accompagnata dall'anticipazione delle conseguenze. La seconda, che è senza anticipazione delle conseguenze. Praticando concentrazione  (Samyana) in riguardo a questi tipi di azione (karma), l'asceta può arrivare a delle conoscenze, come quella del tempo della sua morte.

Quella descritta qui è chiaramente la tecnica della progressione temporale. Nella nostra mente abbiamo già infatti un piano (uno scenario) di come la nostra vita va a svilupparsi . Attraverso la tecnica di Quantum psi possiamo arrivare ad un livello nel quale questo tipo di pensiero viene concretizzato e capito coscientemente. Una regola di Quantum Psi è infatti "dal punto di deconcettualizzazione si può capire sempre il punto di concettualizzazione"

24. Attaverso Samyama sull'amicizia e altre virtù simili si ottiene forza in queste

Questo concetto si lega strettamente al cncetto della mente triadica. Con le tecniche di tipo ipnotico possiamo impattare le reazioni del cervello mammaliano e sviluppare "rapport" oppure altre doti partendo dall' INTERNO. Nelle nostre esperienze è quello che chiamiamo "costruire una nuova realtà emozionale".

25. (Attraverso Samyama) sulla forza (fisica), si può acquisire la forza degli elefanti ed altro.

Samyana è il nome indiano del processo di Quantum Psi ed anche dei processi ipnotici. Spesso nelle nostre lezioni dimostriamo infatti come in ipnosi possono essere ottenuti anche accrescimenti di forza muscolare ed altro.

26. Con la perfetta contemplazione della luce della conoscenza della più alta percezione dei sensi, si ottiene la conoscenza delle cose sottili, vicine e lontane.

Questa è una cosiddetta applicazione sperimentale (visione a distanza).

27. (Praticando Samyama) Sul sole (il punto del corpo conosciuto come l'entrata solare) si può acquisire conoscenza della regione cosmica.

Il concetto qui esposto è sugli archetipi di base. Il sole ad esempio.

28. (Praticando Samyama) sulla luna (l'entrata lunare) si può acquisire conoscenza dlla posizione delle stelle.

Segue la luna.

29. (Praticando Samyama) Sulla stella polare, si possono conoscere i movimenti delle stelle.

In realtà anche il nostro corpo è un universo in miniatura e gli aforismi precedenti si riferiscono anche alla conoscenza del corpo.

30. (Praticando Samyama) Sul plesso solare, si può avere conoscenza della composizione del corpo.

Questa tecnica può essere applicata per la guarigione interna, visulaizzando i vari organi del corpo in ipnosi.

31. (Praticando Samyama) sulla trachea, fame e sete possono essere vinte.

La resistenza fisica può infatti di molto essere potenziata.

32. La calma è ottenuta con Samyama sul tubo bronchiale.

Infatti l'ansietà è strettamente legata a fenomeni respiratori

33. (Praticando Samyama) Sulla luce della corona, si possono osservare esseri perfetti.

Esiste anche un'altra versione di questo aforisma. Il concetto è legato ad una tecnica chiamata anche di "salita al sè superiore"

34. Dalla conoscenza chiamata Pratibha (intuizione), tutto diventa noto.

Noi conosciamo molto di più di quello che pensiamo. La nostra mente conscia concettualizza solo una piccola parte della realtà. Il resto è inconscio e può essere raggiunto in tale maniera.

35. (Praticando Samyama) sul cuore si acquisisce conoscenza della mente.

Il cuore è il centro di ogni processo vitale. Stabilendosi in tale regione si attua una comprensione globale del tutto.

36. L'esperienza (di piacere o di pena) nasce da una concezione che non distingue tra due entità estremamente differenti, cioè Buddhisattva e Purusha. Tale esperienza esiste per altro  (cioè Purusha). Questa è la maniera per la quale attraverso Samyama su Purusha (che soprassiede a  tutte le esperienze ed anche alla loro completa cessazione), si può acquisire una conoscenza su Purusha.

In altre parole, Possiamo anche andare in una metaposizione oltre la posizione di piacere e dolore.

37. Da qui (dalla conoscenza di Purusha) nasce Pratibha (prescienza), Sravana (potere supernormale di udire), Vedana (potere supernormale della vista), Adarsa (potere supernormale del tatto), Asvada (potere supernormale del gusto) e Varta (potere supernormale dell'odorato).

A questo punto siamo aperti a lasciare i nostri sensi aperti ad una maggiore percezione

38. Essi (questi poteri) sono impedimenti al Samadhi, ma sono ( guardati come) acquisizioni nel normale stato fluttuante della mente.

Ovviamente questi poteri rischiano di deviare dalla ricerca finale di Quantum Psychology, ma sono comunque dei livelli di ottenimento notevoli.

39. Quando la causa degli impedimenti viene diminuita ed i movimenti della mente sono conosciuti, la mente può entrare in un altro corpo.

La deconcettualizzazione è la via maestra verso nuovi sviluppi. Questo sutra significa che aumentando la flessibilità (sciogliendo i nodi), la nostra mente può comprendere facilmente la psicologia di un'altra persona (letteralmente "entrare in un'altra persona").

40. Sviluppando la forza vitale (della vita) chiamata Udana, il corpo può resistere ad immersioni in acqua o fango, alle braci e si può uscire dal corpo a volontà.

Si tratta di varie esperienze sperimentali alcune delle quali possno anche avere utilità all'interno di seminari motivazionali

41. Padroneggiando la forza vitale chiamata Samana, si può controllare e regolare il calore interno ed esterno.

Lo sviluppo delle tecniche di Quantum Psi permettono di accedere a risorse naturali di autoguarigione, ed anche di mutare la temperatura corporea.

42. Col Samyama sulla relazione tra akasa ed il potere dell'ascolto, si può realizzare il senso divino dell'udito.

Questo permette ad esempio le cosiddette esperienze di "channeling".

43. Praticando Samyama sulla relazione tra corpo ed akasa e concentrandosi sulla leggerezza del cotone, si può passare attraverso il cielo.

Questa è una descrizione poetica della cosiddetta meditazione dell'"io superiore", caratterizzata da sensazioni di leggerezza.

44. Quando possiamo tenere fuori le modificazioni esterne della mente, queste possono essere comprese.. Grazie a Samyama su di ciò, il velo sopra l'illuminazione (del Boddhisattva) viene rimosso.

Alcuni livelli di ipnosi portano "oltre il corpo". Tutti coloro che li praticano ci relatano esperienze simili.

45. Col Samyama sulla materia grossolana, il carattere essenziale, la sua essenza sottile, la sua inerenza ed oggetività, che sono le cinque forme dei Bhota od elementi, ne può conseguire la maestria su questi.

Analizzano le abitudini di base della mente uno può modificarle.Noi possiamo quindi costruire noi stessi nella maniera più appropriata.

46. Da qui si sviluppa il potere sugli elementi ed altre acquisizioni fisiche. Si verifica inoltre l'indistruttibilità.

La menzione è sul "corpo di luce".

47. La perfezione del corpo consiste in bellezza, grazia, forza e durezza adamantina.

Il concetto si lega ai miglioramenti legati alla pratica delle discipline legate alla "Quantum Psychology. Tra queste discipline è la "presenza". Questa sutra allude a come riconoscere una persona che pratica la presenza, in quanto queste ne sono caratteristiche

48. Col Samyama sulla recettività si può acquisire maestria sul il carattere essenziale, sul senso dell'Io, sulle qualità inerenti di oggettività dei cinque organi

La nostra personalità è una costruzione. Questa Sutra allude alla possibilità di prenderne il controllo. In fin dei conti il nostro lavoro di Quantum Psi è iniziato proprio dalla ricerca di nuove maniere di sviluppare la coscienza e comprendere la personalità.

49. Da qui arrivano i poteri di rapido movimento della mente, azione degli organi indipendenti dal corpo e maestria su  Pradhana, la causa primordiale.

Esiste un livello interiore "prima dei sensi". Col Quantum psi possiamo raggiungerlo.

50. Ad una persona che abbia ben chiara la distinzione tra  Buddhi e Purusha è data supremazia su tutti gli esseri ed onniscienza.

Conoscere è potere.

51. Rinunciando a ciò (Visoka), arriva la liberazione con la distruzione dei semi negativi.

In quantum psychology si parla dell'unico stato che non è uno stato. Finchè esiste uno stato esiste un'esperienza

52. Quando invitato da esseri celesti, questo invito non dovrebbe essere accettato nè causare vanità perchè involve la possibilità di conseguenze indesiderabili.

Sempre riferito al channeling. Bisogna infatti fare attenzione a certe pratiche che possono portare in contatto con parti a volter negative

53. La conoscenza del sè e del non sè viene dalla pratica del Sayama sul  momento e sulla sua sequenza

In realtà questa è anche la strada per creare realtà parallele..

54. Quando la specie, il carattere temporale e la posizione di due cose altrimenti indiscernibili è acquisita queste possono essere differenziate tramite questa conoscenza.

Questo si riferisce alla realtà interiore

55. La conoscenza del discernimento è Taraka o intuizionale, è comprensiva di tutte le cose e di tutte le parole e non ha sequenza.

La conoscenza di cui si parla è intuizionale e non a parole. La Sutra accenna allo stato oggettivo, dove tutto è presente contemporaneamente.

56. (Indipendentemente dal fatto che il discernimento discriminativo sia stato raggiunto o meno) Quando l'uguaglianza è stata raggiunta tra Buddhisattva e Purusha nella loro purezza, allora ha luogo la liberazione.

Si tratta del raggiungimento di uno stato di non influenzamento. La liberazione o illuminazione è un concetto centrale di Quantum psychology che lo avvicina allo stato oggettivo.
 

Corso Gratuito online 

Al fine di facilitare l'apprendimento di queste materie abbiamo anche realizzato un corso gratuito online, molto più approfondito di questo sito.
Potete ricevere le varie lezioni scrivendo a quantum@getresponse.com : riceverete immediatamente l'introduzione e successivamente una lezione al giorno.

Questo sito  ha come finalità la ricerca e la diffusione di tecniche altamente innovative per la mente.
Abbiamo piacere di contattare chi è appassionato a queste materie, ed aiutarlo a progredire, nello spirito di Quantum Psychology: "tutte le cose sono correlate" .
Pensiamo infatti che far crescere la materia e le persone interessate aiuti anche noi ed il mondo a crescere.
Siamo coscienti dell'estrema potenza di certe applicazioni, come quelle per la persuasione, il marketing e la terapia e vi invitiamo quindi ad utilizzare i principi contenuti in queste pagine solo se seguiti da una persona più esperta di voi, per ragioni sia etiche e sia di evitare conseguenze indesiderate.
Anche gli indiani ritenevano le Siddhi (doti supernaturali) come da trattare con moderazione, e molte discipline nel mondo tengono segreto proprio per questo il nucleo del loro insegnamento.
Alcune tecniche di Quantum Psi ricadono appunto in tale categoria, e, anche se ci permettiamo di pubblicare le più semplici, invitiamo sempre alla massima cautela nel loro utilizzo pratico.

Per contattarci: info@programmazioneneurolinguistica.com

Per informazioni dirette: 348-2213449