Nuove dimensioni per la mente

QUANTUM - il più innovativo e creativo approccio pratico all'uomo ed alla mente.

Concetti Introduttivi

Il Modello innovativo della Quantum Psychology

La Mente Triadica ed i  NeuroAttivatori

Oltre la Psicologia: Applicazioni Sociali

Utilizzi Pratici

Quantum Counseling

Utilizzi pratici in Terapia della Quantum Psi:
Peso - Relazioni - Concentrazione - Rilassamento

Quantum Extreme per l'apprendimento e la formazione di insegnanti e Trainer

Quantum Psi per il Marketing

Quantum Psi e Motivazione

Evoluzione nella Comunicazione. Quantum Psi, Comunicazione e Persuasione

Atteggiamento mentale: Commenti a "La scienza di divenire ricchi" di Wallace Wattles

Quantum Psi  nella Pubblicità e nell'Ingegneria Memetica

Quantum Psi, Creatività e Genialità

Quantum Psi Linguistico

Introduzione: Flash Linguistics, Chaos Linguistics e Linguistica Creazionale

Modelli di Cambiamento di Base e Flash Linguistics

Modelli Evoluti

Quantum Psi Realtà, Spazio ed Energia

Quantum Psi e Realtà

Spazio e Massa

Tempo

La Psi-Energetica

Idee e Modelli

Il più alto stato di coscienza possibile: Stato Oggettivo ed Illuminazione

La "Presenza" e gli effetti della Concentrazione Psi

Il contatto umano: breve Tutorial su come migliorare  con Quantum Psi

Applicazioni Parasensoriali

Ricerche: Oriente ed Occidente

Quaderni di Ricerche 1: Visione Occidentale:  Confronto tra Modello Triadico e PNL

Quaderni di Ricerche  2: Quantum Psi e Milton Erickson

Quaderni di Ricerche  3: Quantum Psi e visione orientale. Commenti al "libro del Nulla"

Quaderni di Ricerche 4: Quantum Psi e Yoga. Commenti agli aforismi Yoga di Patanjali

Varie

Biografie

Bibliografia

Formarsi in Quantum Psi e quantum Psychology

Domande & Risposte

 

Quantum Psychology ®  e Mente Triadica

"Quantum Psychology" è libero per la discussione scientifica, ed è registrato per i servizi educativi e di formazione afferenti. Il fine è di mantenere un'alta qualità tutelando l'utente)

SPAZIO E QUANTUM PSI

Il noto studioso Ken Wilber notava come una tra le prime divisioni fondamentali nella creazione della percezione umana era la distinzione tra interno ed esterno, dentro e fuori dal proprio corpo.
Questa distinzione porta a distinguere uno spazio chiamato immaginato, che percepiamo nei sogni o con gli occhi chiusi, ed uno spazio chiamato «reale» che percepiamo con gli occhi aperti.

Entrambi gli spazi vengono pero' processati nella stessa maniera. E nei sogni possiamo anche non essere coscienti che lo spazio in cui ci moviamo e' diverso dallo spazio reale.
Einstein, nel creare la teoria della relativita' ha dimostrato che spazio e materia sono la stessa cosa. Nella stessa maniera il nostro spazio esteriore si costruisce intorno alle nostre esperienze.

E' possibile percepire uno spazio senza concentrarsi sulla forma degli oggetti?

Serve ad acquisire una visione più distaccata. In quantum psi acquistano notevole interesse gli esercizi che portano la nostra percezione prima della percezione degli oggetti. L'immagine batte lo stesso la retina, ma non viene concettualizzata.

La tecnica indicata sopra puo' ad esempio essere utilizzata per ridurre l'impatto emozionale contatto con un'altra persona.

Il concetto e' differenziare lo spazio dalla forma.

A questo punto e' possibile passare ad applicazioni più' evolute, che sovrappongono spazio e dimensione interna ed esterna. Per il principio dell'eguale processo che subiscono le immagini interne ed esterne, l'immaginare di proiettare sulla realta' esterna delle idee porta allo stesso risultato che vederle effettivamente, e predispone la nostra mente nella stessa identica maniera.

Questo e' il concetto di base dei neuroattivatori.

Un altro concetto che ne consegue e' quello dell'energia necessaria per mantenere un'immagine mentale. E' dello stesso tipo dell'energia necessaria per vedere una forma come distinta dal resto.

L'esercizio indicato precedentemente e' per il recupero di tale energia.

Non Località nello spazio interno

Infine lo spazio esterno appare dello stesso tipo dello spazio interno ed aderente agli stessi principi energetici.
Quindi allo spazio esterno appare applicabile il principio di non localita' della fisica.
E' l'atto d'osservazione che, accompagnato dall'intento determina il risultato di ogni osservazione.

Alcune considerazioni

Mappa e Territorio.

La mappa e' anche la nostra percezione. Se non siamo in grado di percepire (ivi includendo la deduzione) un territorio, questo e' come se non esistesse.

Il territorio e' probabilistico, la mappa ha caos 0

Quest'affermazione vuol dire che noi non percepiamo l'aspetto probabilistico dell'universo quantico che ci circonda in quanto lo instradiamo all'interno di una mappa.

La mappa si sovrappone al territorio e non ci permette di percepirlo direttamente.

La mappa costituisce un ordine di realta' non locale.

 Infatti fa capo alla nostra coscienza che e' unica. Succede quindi che eventi distinti possano essere percepiti aventi significato unico. E' questa la base delle cosiddette generalizzazioni.
Ogni mappa e' per definizione non locale, in quanto prodotto interno dell'individuo.

Intento e Mappa

L'intento e' quello che guida la modificazione di una mappa. Alcuni elementi NCR divengono visibili ed altri di meno.

L'intento e' legato all'attivita' della mente triadica

L'unita' di un'osservazione e' determinata dall'intento.

L'intento determina il significato degli elementi presenti in una mappa favorendo la nascita di correlazioni tra osservazioni non locali.

L'intento determina il passaggio della realta' da una base probabilistica ad una base osservabile e determinata. Essendo elementi della realta' probabilistica di tipo quantico non possiamo escludere anche correlazioni non locali di base.
 

Corso Gratuito online 

Al fine di facilitare l'apprendimento di queste materie abbiamo anche realizzato un corso gratuito online, molto più approfondito di questo sito.
Potete ricevere le varie lezioni scrivendo a quantum@getresponse.com : riceverete immediatamente l'introduzione e successivamente una lezione al giorno.

Questo sito  ha come finalità la ricerca e la diffusione di tecniche altamente innovative per la mente.
Abbiamo piacere di contattare chi è appassionato a queste materie, ed aiutarlo a progredire, nello spirito di Quantum Psychology: "tutte le cose sono correlate" .
Pensiamo infatti che far crescere la materia e le persone interessate aiuti anche noi ed il mondo a crescere.

Quantum Psi è anche una disciplina pratica.
Il fine delle tecniche di Quantum Psi è aiutare la mente ad essere coerente ed a questo punto a manifestare il suo potenziale.
Se siete interessati a corsi, seminari, tecnologie mentali di tipo quantico, contattateci e chiedete maggiori informazioni cliccando qui.

Siamo coscienti dell'estrema potenza di certe applicazioni, come quelle per la persuasione, il marketing e la terapia e vi invitiamo quindi ad utilizzare i principi contenuti in queste pagine solo se seguiti da una persona più esperta di voi, per ragioni sia etiche e sia di evitare conseguenze indesiderate.
Anche gli indiani ritenevano le Siddhi (doti supernaturali) come da trattare con moderazione, e molte discipline nel mondo tengono segreto proprio per questo il nucleo del loro insegnamento.
Alcune tecniche di Quantum Psi ricadono appunto in tale categoria, e, anche se ci permettiamo di pubblicare le più semplici, invitiamo sempre alla massima cautela nel loro utilizzo pratico.

Per contattarci: quantumpsi@neurolinguistic.com oppure chiamateci al 348-2213449

Per informazioni dirette: 348-2213449